COMUNICATO  STAMPA

 

 

 

 

 

Comunicato stampa su incontro odierno della Lilt con studenti al Liceo scientifico ‘Galilei’ su Progetto ‘Sistema Salute’

 

 

 

Saranno 25 gli studenti del Liceo Scientifico ‘Galilei’ di Pescara che parteciperanno al Progetto di formazione sulla prevenzione oncologica promosso dalla Lilt-Sezione di Pescara ‘Sistema Salute’. Ragazzi che, nel corso di 4 incontri, diventeranno essi stessi ‘operatori della prevenzione’ e parteciperanno, in veste di relatori, a un convegno medico internazionale che si terrà a settembre prossimo presso il Porto Turistico. “Oggi le cure disponibili e le conoscenze acquisite – ha spiegato il Presidente della Lilt, il professor Marco Lombardo, alle classi terze delle sezioni B, C, G, I e A, che stamane hanno preso parte al primo incontro informativo – ci fanno sperare sulla possibilità di sconfiggere il cancro. Il nostro futuro sono allora i nostri ragazzi, sono loro che devono vincere la guerra, loro sono i nostri soldati che dovranno far prevalere la vita”. Presenti anche la psicologa Maria Di Domenico e la vicepresidente Lilt Milena Grosoli.

 

L’incontro si è aperto con la proiezione di un video realizzato da altri studenti a conclusione delle passate edizioni del progetto ‘Sistema Salute’, giunto quest’anno al suo sesto anno consecutivo. “La Lilt – ha detto ai ragazzi il Professor Lombardo – è presente sul territorio italiano dal 1922 e quella di Pescara è oggi una delle 108 sezioni provinciali che operano sotto il controllo del Ministero della Salute, con l’obiettivo di fare formazione agli studenti. Quest’anno la nostra campagna mira a divulgare le tre fasi della prevenzione: quella primaria, ossia quando la malattia non la facciamo neanche insorgere eliminando le cause che determinano il cancro, come il fumo, le infezioni, come quelle a trasmissione sessuale, e penso al papilloma virus al collo dell’utero, e l’obesità. Poi la prevenzione secondaria, che passa attraverso una diagnosi precoce della malattia, più piccolo il tumore è più si guarisce. Infine la prevenzione terziaria, rivolta alle persone che si sono già ammalate, e che hanno bisogno di essere reinserite nella compagine lavorativa o di essere assistite nel momento della cura. Ai nostri ragazzi dobbiamo spiegare quali sono i fattori di rischio, biologici, alimentari, pensiamo a molte t-shirt a basso costo prodotte con sostanze tossiche, come la formalina, che determina tumori cutanei. In Europa c’è un codice di prevenzione che aiuta a evitare le neoplasie, ad esempio non fumare; evitare l’obesità, e pensiamo che in Abruzzo i nostri giovani sono in sovrappeso per il 40 per cento, ed è grave perché quando una persona è obesa accumula grasso nell’ambito del tessuto adiposo creando processi di infiammazione cronica che determinano la tendenza ad avere tumori in vari organi o apparati. La Lilt ogni anno svolge degli screening per consentire la diagnosi precoce, come la campagna del Nastro Rosa, durante la quale facciamo visite gratuite al seno alle donne di età compresa tra i 25 e i 50 anni. E la nostra campagna 2015 si associa alla cultura dell’alimentazione: mangiare in modo corretto aiuta a prevenire i tumori, quindi mangiare frutta e verdura, che contengono antiossidanti, associando tutto a una buona attività fisica, rinunciando piuttosto alle ore passate davanti al televisore, ai videogiochi o al computer”. Subito dopo la parola è passata agli studenti che hanno chiesto approfondimenti sull’incidenza di malattie, come il diabete, sull’insorgenza dei tumori; sulle scelte mediche che, in caso di cancro, fanno optare per l’intervento chirurgico o la chemioterapia; sull’uso di medicinali immunoterapici nella prevenzione del cancro; e sull’utilità della dieta vegana. “I ragazzi – ha sottolineato il professor Lombardo – sono come sempre molto interessati, ricettivi e preparati. Con loro realizzeremo ora un prodotto, come uno spot, che gli studenti stessi andranno a presentare a settembre al nostro convegno, di cui vogliamo che siano protagonisti e non semplici spettatori”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pescara, 10 aprile 2015